Passa ai contenuti principali

'Americans in London' alla gallery@oxo di Londra dal 20 al 24 luglio 2016

Cinque artisti rappresentati da Art Fusion Galleries e da Abba Gallery espongono a Londra sulle rive del Tamigi, a pochi passi dalla Tate Modern, i loro più recenti lavori. WILLIAM BRAEMER, DAVID HARRY, TIRIL, CHRIS REICHENBAUM, MICHAEL KATZ.
Chi avrà l’opportunità di visitare questa bella mostra vedrà emergere, nella diversità e nell’originalità dei 5 artisti un filo conduttore, un costante riferimento, talvolta appena accennato ad un “genitore” comune: l’espressionismo astratto, prima vera corrente artistica americana. Il titolo della mostra, ‘Americans in London’, sottolinea l’influenza della corrente che ha guadagnato molto spazio sui grandi muri dei musei americani, orgogliosi di rubare la scena a Parigi. Nelle opere di Tiril ad esempio, personalissime per l’uso dei colori, rintracciamo elementi di Robert Motherwell e di Franz Kline. Riferimenti che si perdono nei colori spirituali di Tiril, che alla costante della grande pennellata nera, talvolta graffiata, aggiunge un verde sorprendente o un oro spirituale che quasi rimanda ai mosaici bizantini. L’uso dei colori è la dominante anche nel rapporto, questa volta antitetico, di David Harry con l’espressionismo astratto di un Sam Francis o nelle scelte ‘anti-action painting’ di David, sottolineate dalle grandi pennellate precise che infondono movimento e profondità alle sue grandi tele. I colori, questa volta di Rothko, affiorano nella trama impressionista dei dipinti di William Braemer, scaldati dal sole di Miami. Nelle sculture di William invece troviamo, alternati a forme degne dell’Atene del quarto secolo A.C., sprazzi dadaisti. Quei dadaisti parenti stretti o progenitori dell’espressionismo astratto che ritroviamo anche in Michael Katz. Qui il medium è diverso e con la fotografia e l'arte digitale il collegamento con l'espressionismo astratto va ricercato nelle sue stesse radici, il surrealismo e soprattutto il dadaismo, in questo caso di un Paul Citroen o di Raoul Hausman. Le immagini effimere, nelle foto di Michael, ci riportano ai primi fotocollage. Di nuovo ritroviamo un riferimento all’espressionismo astratto, questa volta di Adolph Gottlieb o di William Baziotes, nelle scelte cromatiche e soprattutto formali di Chris Reichenbaum. La sua produzione artistica ha una matrice segnatamente americana rintracciabile ancora una volta nell’espressionismo astratto.



gallery@oxo
Oxo Tower Wharf, Bargehouse Street, South Bank, London, SE1 9PH

Date e orari:
20-24 Luglio 2016 - dalle 11alle 18
Ingresso libero

Vernissage
21 Luglio dalle 18.30 alle 20.30



Press Contact:
Cristina Moniz
The Good Events and PR Company Ltd
23 Austin Friars
London
EC2N 2QP
Tel: +44 (0)20 3586 3354/20 3586 3353
Email: cristina@thegoodeventsandpr.com






Post popolari in questo blog

Performance di NAM HONG nel contesto della 56a Biennale di Venezia

Studio Abba ha presentato la performance di Nam Hong “La vie vécue” a Venezia, giovedì 7 maggio nel contesto della cinquantaseiesima Biennale di Venezia. Nam Hong partecipa a Personal Structures - Crossing Borders a Palazzo Mora, sede del Centro Culturale Europeo. La mostra sarà visitabile per tutta la durata della Biennale dal 9 maggio al 22 Novembre 2015. Tra gli artisti che espongono in Personal Structures, possiamo citare Daniel Buren, Yoko Ono, Joseph Kosuth, Karl Stengel e Richard Long.
I suoni antichi dei tamburi durante le sue performances, il fuoco, la sovrapposizione degli oggetti e il collage, traducono in un linguaggio artistico contemporaneo la poetica del fuoco e della cenere di Nam Hong. Il ciclo della vita e della morte e la millenaria poesia della natura nella tradizione sciamanica coreana, si fondono nei simboli dei dipinti, delle installazioni e delle performances di Nam Hong, creando un ponte tra Oriente e Occidente. La cenere della carta di riso bruciata diventerà…

Massimo Ricci al Chianti Star Festival

Nell'ambito della terza edizione del Chianti Star Festival, giovedì 9 luglio, ore 21.30, a Palazzo Malaspina di San Donato in Poggio: conferenza del Professor Massimo Ricci, architetto, Membro del Forum Centrale UNESCO, che presenterà i sorprendenti risultati dei suoi recenti studi sull’antico insediamento di San Polo di Torre


Apre la Collezione Karl Stengel ad Arezzo

Uno spazio espositivo permanente per i dipinti e i disegni di Karl Stengel, nelle sale rinascimentali di Palazzo Gozzari ad Arezzo.
Karl Stengel ha attraversato il Novecento affrontando periodi drammatici della recente storia dell’arte. Nato nel 1925 a Neusatz, sulle rive del Danubio, ai tempi dell’impero austro-ungarico, ha avvertito sin dall’infanzia l’impulso di “dover” disegnare, fortemente attratto dal contrasto tra il bianco e il nero. Dopo la guerra e gli anni del campo di prigionia in Russia ci volle diverso tempo per un figlio di borghesi per essere ammesso a un’accademia d’arte. Era l’epoca del Realismo Socialista, imposto dal partito comunista sovietico. Non c’era spazio per l’individualismo artistico, né per cercare la propria possibilità e maniera di esprimersi, di creare. All’arrivo dei carri armati sovietici, con l’occupazione dell’Ungheria, nel 1956 Karl Stengel fuggì in Germania, a Monaco di Baviera. All’Akademie der Schönen Künste fu sorpreso - e non proprio in manie…