Passa ai contenuti principali

Il gruppo OpenArtCode, per la prima volta in Italia, espone a Venezia a Palazzo Cavalli Franchetti

Dal 5 al 20 febbraio 2016 oltre quaranta artisti internazionali espongono dipinti, sculture, fotografie, arte digitale e installazioni

OpenArtCode è un gruppo di artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo, che con i loro diversi stili e tecniche espongono insieme da diversi anni. Mostre di successo hanno avuto luogo al Grand Palais di Parigi, alla Oxo Gallery di Londra, alla Biblioteca Pudong di Shangai e all’Auditorium Rainier III di Montecarlo. Per la prima volta il gruppo si riunisce in Italia per un’eccezionale mostra a Venezia, nello splendido Palazzo Cavalli Franchetti sul Canal Grande. Il palazzo si trova nella zona più visitata di Venezia vicino alla Galleria dell'Accademia e alla Collezione Peggy Guggenheim, nel cuore del centro culturale dove si trovano anche il Teatro La Fenice, Palazzo Grassi, Punta della Dogana, Palazzo Fortuny e Ca' Rezzonico.


Gli artisti che espongono a Venezia sono:
Bdoor Alsudiry - Jian Jun An - Manss Aval - Trond Are Berge - Eva Beumer - William Braemer - Mary Brilli – Chacin – Pantelis Chandris - Cordero - Joan Criscione - Romolo Del Deo - Andreas Devetzis - Lore Eckelberry - Joshua S. Franco - Marybel Gallegos - Sylvie Hamou - Areum Han - David Harry - Evelyne Huet – Hv - Sumio Inoue - Marianne J. Jansen - Ellen Juell - Beanie Kaman - Rieko Karrer - Marlene Kohn - Mina Kordali - Alexander Lee - Sinae Lee - Theresa Lee - Niki Michailidou - Dimitra Mountzouri - Maria Mouriadou - Fotini Othoneou - Sara Palleria - Santina Semadar Panetta - Aspa Papalexandri - Youngsook Park - Jannis Psychopedis - Marco Aurelio Rey - Hyeon-Hwa Seo - Kensuke Shimizu - Susanne Sjögren - Claudia Söding - Katerina Soroula - Max Werner - Michael Freitas Wood.

La mostra, curata da Vito Abba, è organizzata dallo Studio Abba in collaborazione con Emmy Varouxaki e Youngsook Park.


5-20 febbraio 2016
Orari: tutti i giorni dalle 11 alle 19, domenica chiuso
Entrata libera
Palazzo Cavalli Franchetti, Campo Santo Stefano, San Marco 2847, Venezia
info @ studioabba . com


Post popolari in questo blog

Tiril all’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, Palazzo Loredan, Venezia

L’artista Americana, di origini inglesi, espone le sue opere più recenti dal 1 al 20 Febbraio 2016 a Venezia. Entrando a Palazzo Loredan in Campo Santo Stefano, nel cuore di Venezia, I dipinti di Tiril conquisteranno immediatamente l’attenzione del visitatore, naturalmente distratto dal fascino di una delle città più belle del mondo. I forti colori primari che si stemperano in una tavolozza variegata, ma sempre cromaticamente decisa, introducono l’osservatore nel mondo spirituale di Tiril. La sua ispirazione feconda rivela un attimo 'illuminante' che conferisce a segni, colori e gesti la potenza di un magico 'incantamento' che dischiude la percezione della trascendenza. La sua astrazione pare quasi sottintendere, o, comunque, sempre riferirsi ad una 'Natura' dello Spirito, fortemente carica di pathos. Un’astrazione lirica che passa da una visionarietà cromatica senza riferimenti al mondo esteriore, ad una veemenza gestuale di forti sensazioni, quasi radio

14 luglio 2012 inaugurazione di OpenArtCode Shangai

artisti partecipanti:  De Hansi - www.zonering.dk Agneta Gynning - www.agnetagynning.com Nam Hong - www.namhong.co.kr Raymond Hoogendorp - www.raymondhoogendorp.com Evelyne Huet - www.evelynehuet.com Sumio Inoue - www.sumioinoue.com Hilde Klomp - www.hildeklomp.nl Victoria Kovalenchikova - www.vkgallery.nl Sinae Lee - www.sinaelee.com Else Pia Martinsen Erz - www.galerie-erz.dk Armida Pupa Nardi - www.armidanardi.it Sara Palleria - www.sarapalleria.com Lisbeth Sandvall - www.lisbethsandvall.se Kensuke Shimizu - www4.ocn.ne.jp/~kensuke/sub1.html   Marco Aurélio Rey - www.marcorey.com.br Paul Ygartua - www.ygartua.com http://shanghai.openartcode.com/

Il premio Chianti Star Festival 2015 a Sumio Inoue

La giuria presieduta da Roberto Casalbuoni ha assegnato il premio Chianti Star Festival 2015 a Sumio Inoue , fotografo giapponese noto per la serie “Silenzioso”: scatti di monumenti e città, stampati su carta di riso fatta a mano. Il bianco e nero delle immagini di Sumio, una volta assorbito dalla washi, con un processo elaborato che richiede diverse settimane, produce un’infinita gradazione di sfumature e di ombre. Ombre che, anche nelle foto più monocrome, stimolano l’immaginazione. Ammirando le opere di Sumio Inoue si ha l’impressione di scorgere qualcosa anche ove non si può vedere. Congratulazioni a Sumio dallo Studio Abba (che sta già lavorando all’edizione 2016 del Chianti Star Festival ).