Passa ai contenuti principali

Il gruppo OpenArtCode, per la prima volta in Italia, espone a Venezia a Palazzo Cavalli Franchetti

Dal 5 al 20 febbraio 2016 oltre quaranta artisti internazionali espongono dipinti, sculture, fotografie, arte digitale e installazioni

OpenArtCode è un gruppo di artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo, che con i loro diversi stili e tecniche espongono insieme da diversi anni. Mostre di successo hanno avuto luogo al Grand Palais di Parigi, alla Oxo Gallery di Londra, alla Biblioteca Pudong di Shangai e all’Auditorium Rainier III di Montecarlo. Per la prima volta il gruppo si riunisce in Italia per un’eccezionale mostra a Venezia, nello splendido Palazzo Cavalli Franchetti sul Canal Grande. Il palazzo si trova nella zona più visitata di Venezia vicino alla Galleria dell'Accademia e alla Collezione Peggy Guggenheim, nel cuore del centro culturale dove si trovano anche il Teatro La Fenice, Palazzo Grassi, Punta della Dogana, Palazzo Fortuny e Ca' Rezzonico.


Gli artisti che espongono a Venezia sono:
Bdoor Alsudiry - Jian Jun An - Manss Aval - Trond Are Berge - Eva Beumer - William Braemer - Mary Brilli – Chacin – Pantelis Chandris - Cordero - Joan Criscione - Romolo Del Deo - Andreas Devetzis - Lore Eckelberry - Joshua S. Franco - Marybel Gallegos - Sylvie Hamou - Areum Han - David Harry - Evelyne Huet – Hv - Sumio Inoue - Marianne J. Jansen - Ellen Juell - Beanie Kaman - Rieko Karrer - Marlene Kohn - Mina Kordali - Alexander Lee - Sinae Lee - Theresa Lee - Niki Michailidou - Dimitra Mountzouri - Maria Mouriadou - Fotini Othoneou - Sara Palleria - Santina Semadar Panetta - Aspa Papalexandri - Youngsook Park - Jannis Psychopedis - Marco Aurelio Rey - Hyeon-Hwa Seo - Kensuke Shimizu - Susanne Sjögren - Claudia Söding - Katerina Soroula - Max Werner - Michael Freitas Wood.

La mostra, curata da Vito Abba, è organizzata dallo Studio Abba in collaborazione con Emmy Varouxaki e Youngsook Park.


5-20 febbraio 2016
Orari: tutti i giorni dalle 11 alle 19, domenica chiuso
Entrata libera
Palazzo Cavalli Franchetti, Campo Santo Stefano, San Marco 2847, Venezia
info @ studioabba . com


Post popolari in questo blog

Apre la Collezione Karl Stengel ad Arezzo

Uno spazio espositivo permanente per i dipinti e i disegni di Karl Stengel, nelle sale rinascimentali di Palazzo Gozzari ad Arezzo.
Karl Stengel ha attraversato il Novecento affrontando periodi drammatici della recente storia dell’arte. Nato nel 1925 a Neusatz, sulle rive del Danubio, ai tempi dell’impero austro-ungarico, ha avvertito sin dall’infanzia l’impulso di “dover” disegnare, fortemente attratto dal contrasto tra il bianco e il nero. Dopo la guerra e gli anni del campo di prigionia in Russia ci volle diverso tempo per un figlio di borghesi per essere ammesso a un’accademia d’arte. Era l’epoca del Realismo Socialista, imposto dal partito comunista sovietico. Non c’era spazio per l’individualismo artistico, né per cercare la propria possibilità e maniera di esprimersi, di creare. All’arrivo dei carri armati sovietici, con l’occupazione dell’Ungheria, nel 1956 Karl Stengel fuggì in Germania, a Monaco di Baviera. All’Akademie der Schönen Künste fu sorpreso - e non proprio in manie…

Massimo Ricci al Chianti Star Festival

Nell'ambito della terza edizione del Chianti Star Festival, giovedì 9 luglio, ore 21.30, a Palazzo Malaspina di San Donato in Poggio: conferenza del Professor Massimo Ricci, architetto, Membro del Forum Centrale UNESCO, che presenterà i sorprendenti risultati dei suoi recenti studi sull’antico insediamento di San Polo di Torre


Performance di NAM HONG nel contesto della 56a Biennale di Venezia

Studio Abba ha presentato la performance di Nam Hong “La vie vécue” a Venezia, giovedì 7 maggio nel contesto della cinquantaseiesima Biennale di Venezia. Nam Hong partecipa a Personal Structures - Crossing Borders a Palazzo Mora, sede del Centro Culturale Europeo. La mostra sarà visitabile per tutta la durata della Biennale dal 9 maggio al 22 Novembre 2015. Tra gli artisti che espongono in Personal Structures, possiamo citare Daniel Buren, Yoko Ono, Joseph Kosuth, Karl Stengel e Richard Long.
I suoni antichi dei tamburi durante le sue performances, il fuoco, la sovrapposizione degli oggetti e il collage, traducono in un linguaggio artistico contemporaneo la poetica del fuoco e della cenere di Nam Hong. Il ciclo della vita e della morte e la millenaria poesia della natura nella tradizione sciamanica coreana, si fondono nei simboli dei dipinti, delle installazioni e delle performances di Nam Hong, creando un ponte tra Oriente e Occidente. La cenere della carta di riso bruciata diventerà…