Passa ai contenuti principali

Apre la Collezione Karl Stengel ad Arezzo

Uno spazio espositivo permanente per i dipinti e i disegni di Karl Stengel, nelle sale rinascimentali di Palazzo Gozzari ad Arezzo.

Karl Stengel ha attraversato il Novecento affrontando periodi drammatici della recente storia dell’arte. Nato nel 1925 a Neusatz, sulle rive del Danubio, ai tempi dell’impero austro-ungarico, ha avvertito sin dall’infanzia l’impulso di “dover” disegnare, fortemente attratto dal contrasto tra il bianco e il nero. Dopo la guerra e gli anni del campo di prigionia in Russia ci volle diverso tempo per un figlio di borghesi per essere ammesso a un’accademia d’arte. Era l’epoca del Realismo Socialista, imposto dal partito comunista sovietico. Non c’era spazio per l’individualismo artistico, né per cercare la propria possibilità e maniera di esprimersi, di creare. All’arrivo dei carri armati sovietici, con l’occupazione dell’Ungheria, nel 1956 Karl Stengel fuggì in Germania, a Monaco di Baviera. All’Akademie der Schönen Künste fu sorpreso - e non proprio in maniera positiva - dalla leggerezza con la quale i suoi giovani colleghi si davano - dopo la dominante espressione artistica estorta da Hitler - al modernismo astratto. Di nuovo non poteva vedere uno spazio per seguire una sua strada con sincerità. Non poté seguire il suo impulso di “dover dipingere” per quasi due decenni. Poi riaffiorò il forte richiamo delle voci di ciò che desidera essere espresso, dipinto, assieme al desiderio di fare vedere e sentire agli altri ciò che non vedono - o non hanno visto - anche se sta davanti ai loro occhi.

Mentre apre la Collezione Karl Stengel ad Arezzo, sono ancora in mostra, fino al 22 novembre, alcune opere del maestro presso Palazzo Mora a Venezia nel contesto della Biennale 2015.






















Collezione Karl Stengel - Via Cavour 121 Arezzo.
Orari: lunedì, mercoledì, sabato dalle 16 alle 18
Ogni prima domenica del mese dalle 10 alle 12
Visite su richiesta, tel. +39 3347944736


Post popolari in questo blog

Tiril all’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, Palazzo Loredan, Venezia

L’artista Americana, di origini inglesi, espone le sue opere più recenti dal 1 al 20 Febbraio 2016 a Venezia. Entrando a Palazzo Loredan in Campo Santo Stefano, nel cuore di Venezia, I dipinti di Tiril conquisteranno immediatamente l’attenzione del visitatore, naturalmente distratto dal fascino di una delle città più belle del mondo. I forti colori primari che si stemperano in una tavolozza variegata, ma sempre cromaticamente decisa, introducono l’osservatore nel mondo spirituale di Tiril. La sua ispirazione feconda rivela un attimo 'illuminante' che conferisce a segni, colori e gesti la potenza di un magico 'incantamento' che dischiude la percezione della trascendenza. La sua astrazione pare quasi sottintendere, o, comunque, sempre riferirsi ad una 'Natura' dello Spirito, fortemente carica di pathos. Un’astrazione lirica che passa da una visionarietà cromatica senza riferimenti al mondo esteriore, ad una veemenza gestuale di forti sensazioni, quasi radio

14 luglio 2012 inaugurazione di OpenArtCode Shangai

artisti partecipanti:  De Hansi - www.zonering.dk Agneta Gynning - www.agnetagynning.com Nam Hong - www.namhong.co.kr Raymond Hoogendorp - www.raymondhoogendorp.com Evelyne Huet - www.evelynehuet.com Sumio Inoue - www.sumioinoue.com Hilde Klomp - www.hildeklomp.nl Victoria Kovalenchikova - www.vkgallery.nl Sinae Lee - www.sinaelee.com Else Pia Martinsen Erz - www.galerie-erz.dk Armida Pupa Nardi - www.armidanardi.it Sara Palleria - www.sarapalleria.com Lisbeth Sandvall - www.lisbethsandvall.se Kensuke Shimizu - www4.ocn.ne.jp/~kensuke/sub1.html   Marco Aurélio Rey - www.marcorey.com.br Paul Ygartua - www.ygartua.com http://shanghai.openartcode.com/

Il premio Chianti Star Festival 2015 a Sumio Inoue

La giuria presieduta da Roberto Casalbuoni ha assegnato il premio Chianti Star Festival 2015 a Sumio Inoue , fotografo giapponese noto per la serie “Silenzioso”: scatti di monumenti e città, stampati su carta di riso fatta a mano. Il bianco e nero delle immagini di Sumio, una volta assorbito dalla washi, con un processo elaborato che richiede diverse settimane, produce un’infinita gradazione di sfumature e di ombre. Ombre che, anche nelle foto più monocrome, stimolano l’immaginazione. Ammirando le opere di Sumio Inoue si ha l’impressione di scorgere qualcosa anche ove non si può vedere. Congratulazioni a Sumio dallo Studio Abba (che sta già lavorando all’edizione 2016 del Chianti Star Festival ).