Passa ai contenuti principali

Chianti Star Festival



La prima edizione del Chianti Star Festival, manifestazione dedicata all’incontro tra arte e scienza, si svolgerà a San Donato in Poggio, in Toscana, dal 29 giugno all’11 agosto 2013. Le ‘stelle’ del Chianti saranno gli artisti contemporanei internazionali che esporranno a Palazzo Malaspina, saranno gli astri osservati all’Osservatorio Astronomico del Chianti, saranno le stelle del cinema grazie ad una mini rassegna cinematografica, saranno i prodotti tipici del territorio, a partire dal vino star della Toscana.


logo

Le opere selezionate stimolano riflessioni sul rapporto tra gli artisti e il contesto sociale e culturale attuale. La presenza degli artisti arricchirà la manifestazione, che propone un ricco calendario di eventi collaterali, conferenze, incontri, concerti e aperitivi in piazza.

La rassegna cinematografica curata da Gabriele Rizza e Gianna Bandini dell’Associazione Anèmic, fornirà alcune esempi di come la scienza viene presentata nel cinema, dalla fantascienza, alle storie di scienziati illustri, fino a problematiche controverse di stringente attualità.

Il tema della divulgazione della cultura scientifica verrà affrontato grazie alla partecipazione di docenti e ricercatori di OpenLab, struttura dell’area comunicazione dell’Università di Firenze. Alcuni esempi degli eventi collaterali: il professor Roberto Casalbuoni parlerà delle simmetrie e l'arte di Escher, il professor Luigi Dei con la scienza spiegherà il Bolero di Ravel, il professor Alberto Righini parlerà di stelle e poesia. Gli artisti saranno presenti nella prima settimana del Festival per incontrare il pubblico e svelare vari aspetti del ruolo dell’artista: quando l’artista è chiamato a interpretare l’infinitamente piccolo per fornire allo scienziato una rappresentazione di quello che l’occhio umano non può vedere, quando le loro opere sono influenzate dall’evoluzione della scienza e della tecnologia, quando l’opera può migliorare la vita dei pazienti nei luoghi di degenza. Si parlerà di quest’ultimo aspetto con la professoressa Donatella Lippi direttore del Centro di Medical Humanities, Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Firenze, che partendo dall’opera di Picasso Ciencia y caridad affronterà il tema scienza e arte in medicina. Elaine Poggi presenterà il progetto Healing Photo Art, che si incarica di portare opere donate da fotografi di tutto il mondo in ospedali di vari paesi. Alcuni artisti porteranno loro testimonianze di creazione di opere nei luoghi di degenza.

Insomma un calendario ricco di eventi e iniziative, consultabile sul sito www.chiantistarfestival.com, senza dimenticare le imprescindibili gioie dell’enogastronomia toscana: ogni sera, a partire dalle ore 19, ci saranno degustazioni dei prodotti tipici del territorio insieme alle aziende locali, che si avvarranno dell’aiuto di esperti e sommeliers.

Una giuria presieduta da Roberto Casalbuoni premierà le opere migliori. I membri della Giuria sono: Roberto Casalbuoni, fisico teorico; Anchise Tempestini, storico dell'arte; Giada Rodani, curatrice e organizzatrice di mostre ed eventi di arte contemporanea; Alberto Righini, Professore di astronomia; Gabriele Rizza, giornalista, esperto di film e teatro; Luigi Dei, Professore di chimica e Presidente di OpenLab; Ugo Chiti, regista e sceneggiatore.



Palazzo Malaspina, via del Giglio 31, San Donato in Poggio
Orari, tutti i giorni, h. 9.30-12.30 | 16.00-23.00
Entrata gratuita. Per le conferenze e gli incontri si consiglia la prenotazione: info@studioabba.com  
Le visite guidate all’Osservatorio prevedono un biglietto di ingresso: 7 euro adulti, 4 euro ridotti, 10 euro visita e buffet.
Per informazioni sulla mostra e sugli eventi collaterali: Studio Abba 055292082 info@studioabba.com
Per informazioni sul territorio: Pro Loco di San Donato: 0558072338 - info@sandonatoinpoggio.it
                                               Tavarnelle Chianti da Vivere: info@tavarnellechiantidavivere.it





Post popolari in questo blog

Apre la Collezione Karl Stengel ad Arezzo

Uno spazio espositivo permanente per i dipinti e i disegni di Karl Stengel, nelle sale rinascimentali di Palazzo Gozzari ad Arezzo.
Karl Stengel ha attraversato il Novecento affrontando periodi drammatici della recente storia dell’arte. Nato nel 1925 a Neusatz, sulle rive del Danubio, ai tempi dell’impero austro-ungarico, ha avvertito sin dall’infanzia l’impulso di “dover” disegnare, fortemente attratto dal contrasto tra il bianco e il nero. Dopo la guerra e gli anni del campo di prigionia in Russia ci volle diverso tempo per un figlio di borghesi per essere ammesso a un’accademia d’arte. Era l’epoca del Realismo Socialista, imposto dal partito comunista sovietico. Non c’era spazio per l’individualismo artistico, né per cercare la propria possibilità e maniera di esprimersi, di creare. All’arrivo dei carri armati sovietici, con l’occupazione dell’Ungheria, nel 1956 Karl Stengel fuggì in Germania, a Monaco di Baviera. All’Akademie der Schönen Künste fu sorpreso - e non proprio in manie…

Il gruppo OpenArtCode, per la prima volta in Italia, espone a Venezia a Palazzo Cavalli Franchetti

Dal 5 al 20 febbraio 2016 oltre quaranta artisti internazionali espongono dipinti, sculture, fotografie, arte digitale e installazioni
OpenArtCode è un gruppo di artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo, che con i loro diversi stili e tecniche espongono insieme da diversi anni. Mostre di successo hanno avuto luogo al Grand Palais di Parigi, alla Oxo Gallery di Londra, alla Biblioteca Pudong di Shangai e all’Auditorium Rainier III di Montecarlo. Per la prima volta il gruppo si riunisce in Italia per un’eccezionale mostra a Venezia, nello splendido Palazzo Cavalli Franchetti sul Canal Grande. Il palazzo si trova nella zona più visitata di Venezia vicino alla Galleria dell'Accademia e alla Collezione Peggy Guggenheim, nel cuore del centro culturale dove si trovano anche il Teatro La Fenice, Palazzo Grassi, Punta della Dogana, Palazzo Fortuny e Ca' Rezzonico.


Gli artisti che espongono a Venezia sono: Bdoor Alsudiry - Jian Jun An - Manss Aval - Trond Are Berge - Eva Beumer…

Il premio Chianti Star Festival 2015 a Sumio Inoue

La giuria presieduta da Roberto Casalbuoni ha assegnato il premio Chianti Star Festival 2015 a Sumio Inoue, fotografo giapponese noto per la serie “Silenzioso”: scatti di monumenti e città, stampati su carta di riso fatta a mano. Il bianco e nero delle immagini di Sumio, una volta assorbito dalla washi, con un processo elaborato che richiede diverse settimane, produce un’infinita gradazione di sfumature e di ombre. Ombre che, anche nelle foto più monocrome, stimolano l’immaginazione. Ammirando le opere di Sumio Inoue si ha l’impressione di scorgere qualcosa anche ove non si può vedere.
Congratulazioni a Sumio dallo Studio Abba (che sta già lavorando all’edizione 2016 del Chianti Star Festival).