Passa ai contenuti principali

Chianti Star Festival



La prima edizione del Chianti Star Festival, manifestazione dedicata all’incontro tra arte e scienza, si svolgerà a San Donato in Poggio, in Toscana, dal 29 giugno all’11 agosto 2013. Le ‘stelle’ del Chianti saranno gli artisti contemporanei internazionali che esporranno a Palazzo Malaspina, saranno gli astri osservati all’Osservatorio Astronomico del Chianti, saranno le stelle del cinema grazie ad una mini rassegna cinematografica, saranno i prodotti tipici del territorio, a partire dal vino star della Toscana.


logo

Le opere selezionate stimolano riflessioni sul rapporto tra gli artisti e il contesto sociale e culturale attuale. La presenza degli artisti arricchirà la manifestazione, che propone un ricco calendario di eventi collaterali, conferenze, incontri, concerti e aperitivi in piazza.

La rassegna cinematografica curata da Gabriele Rizza e Gianna Bandini dell’Associazione Anèmic, fornirà alcune esempi di come la scienza viene presentata nel cinema, dalla fantascienza, alle storie di scienziati illustri, fino a problematiche controverse di stringente attualità.

Il tema della divulgazione della cultura scientifica verrà affrontato grazie alla partecipazione di docenti e ricercatori di OpenLab, struttura dell’area comunicazione dell’Università di Firenze. Alcuni esempi degli eventi collaterali: il professor Roberto Casalbuoni parlerà delle simmetrie e l'arte di Escher, il professor Luigi Dei con la scienza spiegherà il Bolero di Ravel, il professor Alberto Righini parlerà di stelle e poesia. Gli artisti saranno presenti nella prima settimana del Festival per incontrare il pubblico e svelare vari aspetti del ruolo dell’artista: quando l’artista è chiamato a interpretare l’infinitamente piccolo per fornire allo scienziato una rappresentazione di quello che l’occhio umano non può vedere, quando le loro opere sono influenzate dall’evoluzione della scienza e della tecnologia, quando l’opera può migliorare la vita dei pazienti nei luoghi di degenza. Si parlerà di quest’ultimo aspetto con la professoressa Donatella Lippi direttore del Centro di Medical Humanities, Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Firenze, che partendo dall’opera di Picasso Ciencia y caridad affronterà il tema scienza e arte in medicina. Elaine Poggi presenterà il progetto Healing Photo Art, che si incarica di portare opere donate da fotografi di tutto il mondo in ospedali di vari paesi. Alcuni artisti porteranno loro testimonianze di creazione di opere nei luoghi di degenza.

Insomma un calendario ricco di eventi e iniziative, consultabile sul sito www.chiantistarfestival.com, senza dimenticare le imprescindibili gioie dell’enogastronomia toscana: ogni sera, a partire dalle ore 19, ci saranno degustazioni dei prodotti tipici del territorio insieme alle aziende locali, che si avvarranno dell’aiuto di esperti e sommeliers.

Una giuria presieduta da Roberto Casalbuoni premierà le opere migliori. I membri della Giuria sono: Roberto Casalbuoni, fisico teorico; Anchise Tempestini, storico dell'arte; Giada Rodani, curatrice e organizzatrice di mostre ed eventi di arte contemporanea; Alberto Righini, Professore di astronomia; Gabriele Rizza, giornalista, esperto di film e teatro; Luigi Dei, Professore di chimica e Presidente di OpenLab; Ugo Chiti, regista e sceneggiatore.



Palazzo Malaspina, via del Giglio 31, San Donato in Poggio
Orari, tutti i giorni, h. 9.30-12.30 | 16.00-23.00
Entrata gratuita. Per le conferenze e gli incontri si consiglia la prenotazione: info@studioabba.com  
Le visite guidate all’Osservatorio prevedono un biglietto di ingresso: 7 euro adulti, 4 euro ridotti, 10 euro visita e buffet.
Per informazioni sulla mostra e sugli eventi collaterali: Studio Abba 055292082 info@studioabba.com
Per informazioni sul territorio: Pro Loco di San Donato: 0558072338 - info@sandonatoinpoggio.it
                                               Tavarnelle Chianti da Vivere: info@tavarnellechiantidavivere.it





Post popolari in questo blog

'Americans in London' alla gallery@oxo di Londra dal 20 al 24 luglio 2016

Cinque artisti rappresentati da Art Fusion Galleries e da Abba Gallery espongono a Londra sulle rive del Tamigi, a pochi passi dalla Tate Modern, i loro più recenti lavori. WILLIAM BRAEMER, DAVID HARRY, TIRIL, CHRIS REICHENBAUM, MICHAEL KATZ.
Chi avrà l’opportunità di visitare questa bella mostra vedrà emergere, nella diversità e nell’originalità dei 5 artisti un filo conduttore, un costante riferimento, talvolta appena accennato ad un “genitore” comune: l’espressionismo astratto, prima vera corrente artistica americana. Il titolo della mostra, ‘Americans in London’, sottolinea l’influenza della corrente che ha guadagnato molto spazio sui grandi muri dei musei americani, orgogliosi di rubare la scena a Parigi. Nelle opere di Tiril ad esempio, personalissime per l’uso dei colori, rintracciamo elementi di Robert Motherwell e di Franz Kline. Riferimenti che si perdono nei colori spirituali di Tiril, che alla costante della grande pennellata nera, talvolta graffiata, aggiunge un verde sor…

Performance di NAM HONG nel contesto della 56a Biennale di Venezia

Studio Abba ha presentato la performance di Nam Hong “La vie vécue” a Venezia, giovedì 7 maggio nel contesto della cinquantaseiesima Biennale di Venezia. Nam Hong partecipa a Personal Structures - Crossing Borders a Palazzo Mora, sede del Centro Culturale Europeo. La mostra sarà visitabile per tutta la durata della Biennale dal 9 maggio al 22 Novembre 2015. Tra gli artisti che espongono in Personal Structures, possiamo citare Daniel Buren, Yoko Ono, Joseph Kosuth, Karl Stengel e Richard Long.
I suoni antichi dei tamburi durante le sue performances, il fuoco, la sovrapposizione degli oggetti e il collage, traducono in un linguaggio artistico contemporaneo la poetica del fuoco e della cenere di Nam Hong. Il ciclo della vita e della morte e la millenaria poesia della natura nella tradizione sciamanica coreana, si fondono nei simboli dei dipinti, delle installazioni e delle performances di Nam Hong, creando un ponte tra Oriente e Occidente. La cenere della carta di riso bruciata diventerà…

Tiril all’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, Palazzo Loredan, Venezia

L’artista Americana, di origini inglesi, espone le sue opere più recenti dal 1 al 20 Febbraio 2016 a Venezia.

Entrando a Palazzo Loredan in Campo Santo Stefano, nel cuore di Venezia, I dipinti di Tiril conquisteranno immediatamente l’attenzione del visitatore, naturalmente distratto dal fascino di una delle città più belle del mondo. I forti colori primari che si stemperano in una tavolozza variegata, ma sempre cromaticamente decisa, introducono l’osservatore nel mondo spirituale di Tiril. La sua ispirazione feconda rivela un attimo 'illuminante' che conferisce a segni, colori e gesti la potenza di un magico 'incantamento' che dischiude la percezione della trascendenza. La sua astrazione pare quasi sottintendere, o, comunque, sempre riferirsi ad una 'Natura' dello Spirito, fortemente carica di pathos. Un’astrazione lirica che passa da una visionarietà cromatica senza riferimenti al mondo esteriore, ad una veemenza gestuale di forti sensazioni, quasi radiografia…