Passa ai contenuti principali

Raymond Hoogendorp espone a Firenze

Dopo il successo alla KIAF 2011 (Korea International Art Fair), e la partecipazione a OpenArtCode Paris al Grand Palais di Parigi, Raymond Hoogendorp sarà presente a Firenze per la personale a lui dedicata dalla galleria Present Art Space, a cura di Vito Abba e Giada Rodani. Un gruppo di opere recenti, caratterizzato da tele di grandi dimensioni, sarà esposto nella galleria di via de’ Serragli dal 28 gennaio al 18 febbraio 2012. Orari: dal lunedì al venerdì 15,30-19,30; info: tel. 0552645767.
www.raymondhoogendorp.com
I dipinti e le performances di “live painting” di Raymond Hoogendorp in un primo momento fanno pensare all’espressionismo astratto americano, non tanto a Franz Kline o Willem de Kooning, quanto piuttosto a Jackson Pollock. Quando poi si osservano l’importanza del colore, scagliato sulle grandi tele, e i volumi generati dall’abbondanza delle vernici, si ha la netta percezione di trovarsi di fronte a qualcosa di diverso e di originale. I blocchi di colore primari di Hoogendorp fanno pensare ai fuochi di artificio, allo champagne che fa saltare il tappo della bottiglia o allo scorrere, talvolta impetuoso, talvolta lento, della lava di un vulcano. Con le sue opere l’artista olandese non vuole tradurre nella figurazione i pensieri della sua mente, ma farci partecipi del suo istinto pittorico, talvolta giocoso, talvolta fatto di forti emozioni.

Post popolari in questo blog

'Americans in London' alla gallery@oxo di Londra dal 20 al 24 luglio 2016

Cinque artisti rappresentati da Art Fusion Galleries e da Abba Gallery espongono a Londra sulle rive del Tamigi, a pochi passi dalla Tate Modern, i loro più recenti lavori. WILLIAM BRAEMER, DAVID HARRY, TIRIL, CHRIS REICHENBAUM, MICHAEL KATZ.
Chi avrà l’opportunità di visitare questa bella mostra vedrà emergere, nella diversità e nell’originalità dei 5 artisti un filo conduttore, un costante riferimento, talvolta appena accennato ad un “genitore” comune: l’espressionismo astratto, prima vera corrente artistica americana. Il titolo della mostra, ‘Americans in London’, sottolinea l’influenza della corrente che ha guadagnato molto spazio sui grandi muri dei musei americani, orgogliosi di rubare la scena a Parigi. Nelle opere di Tiril ad esempio, personalissime per l’uso dei colori, rintracciamo elementi di Robert Motherwell e di Franz Kline. Riferimenti che si perdono nei colori spirituali di Tiril, che alla costante della grande pennellata nera, talvolta graffiata, aggiunge un verde sor…

Apre la Collezione Karl Stengel ad Arezzo

Uno spazio espositivo permanente per i dipinti e i disegni di Karl Stengel, nelle sale rinascimentali di Palazzo Gozzari ad Arezzo.
Karl Stengel ha attraversato il Novecento affrontando periodi drammatici della recente storia dell’arte. Nato nel 1925 a Neusatz, sulle rive del Danubio, ai tempi dell’impero austro-ungarico, ha avvertito sin dall’infanzia l’impulso di “dover” disegnare, fortemente attratto dal contrasto tra il bianco e il nero. Dopo la guerra e gli anni del campo di prigionia in Russia ci volle diverso tempo per un figlio di borghesi per essere ammesso a un’accademia d’arte. Era l’epoca del Realismo Socialista, imposto dal partito comunista sovietico. Non c’era spazio per l’individualismo artistico, né per cercare la propria possibilità e maniera di esprimersi, di creare. All’arrivo dei carri armati sovietici, con l’occupazione dell’Ungheria, nel 1956 Karl Stengel fuggì in Germania, a Monaco di Baviera. All’Akademie der Schönen Künste fu sorpreso - e non proprio in manie…

Performance di NAM HONG nel contesto della 56a Biennale di Venezia

Studio Abba ha presentato la performance di Nam Hong “La vie vécue” a Venezia, giovedì 7 maggio nel contesto della cinquantaseiesima Biennale di Venezia. Nam Hong partecipa a Personal Structures - Crossing Borders a Palazzo Mora, sede del Centro Culturale Europeo. La mostra sarà visitabile per tutta la durata della Biennale dal 9 maggio al 22 Novembre 2015. Tra gli artisti che espongono in Personal Structures, possiamo citare Daniel Buren, Yoko Ono, Joseph Kosuth, Karl Stengel e Richard Long.
I suoni antichi dei tamburi durante le sue performances, il fuoco, la sovrapposizione degli oggetti e il collage, traducono in un linguaggio artistico contemporaneo la poetica del fuoco e della cenere di Nam Hong. Il ciclo della vita e della morte e la millenaria poesia della natura nella tradizione sciamanica coreana, si fondono nei simboli dei dipinti, delle installazioni e delle performances di Nam Hong, creando un ponte tra Oriente e Occidente. La cenere della carta di riso bruciata diventerà…